® NOBERASCO S.p.A. | P.iva 01270390097 | N. iscrizione REA Savona 53659 | Cap. sociale 600.000 i.v.
SELEZIONI DI FRUTTA IDEE REGALO INIZIATIVE DOVE SIAMO
BENESSERE LIFESTYLE FITNESS RICETTE WIKIFRUTTI
08/03/2016
30 cibi per mantenerci sani

Dopo il fast e lo slow, la dieta si fa smart. Dallo IEO un regime alimentare che non solo rimette in forma, ma promette di proteggere dalle malattie, cancro incluso, e di allungare la vita.
Sono 30, i magnifici alimenti proposti dalla dieta Smartfood. Ma cosa differisce questa dalle altre diete?
Innanzitutto è garantita dall'Istituto Europeo di Oncologia di Milano (IEO) ed è la prima dieta italiana a riportare un marchio scientifico. Non è una trovata fantasiosa o commerciale, ma rappresenta l'insieme di consigli desunti da importanti studi scientifici, centinaia di ricerche alimentari all’avanguardia sulla nutrigenomica, disciplina che indaga le relazioni tra patrimonio genetico e cibo.
L'hanno messa a punto Pier Giuseppe Pelicci, direttore della ricerca allo Ieo insieme a Lucilla Titta, nutrizionista e coordinatrice del progetto Smartfood allo Ieo. E affidata a Eliana Liotta giornalista già direttore di OKSalute che ne ha fatto un libro appena uscito per Rizzoli.
La vera rivoluzione sta in quei 30 alimenti, molti dei quali presenti abitualmente nella nostra alimentazione, organizzati in due grandi categorie: i Longevity Smartfood che incidono sulle vie genetiche, e i Protective Smartfood, in grado di difenderci dalle malattie.
I longevity food sono 20 alimenti che contengono preziose molecole tanto potenti da arrivare a regolare la durata della vita antagonizzando i geni dell'invecchiamento. Tre questi troviamo solo cibi di origine vegetale, frutta e verdura come le arance rosse o le patate viole, ma anche il cioccolato rigorosamente amaro (da consumare tranquillamente, ma moderatamente, ogni giorno) e il tè verde o nero.
Tra i 10 smartfood protettori, invece, non mancano aglio, cereali integrali, erbe aromatiche, frutta fresca, frutta a guscio, legumi, olio extra vergine d’oliva, oli di semi spremuti a freddo, semi oleosi e verdure.
Il segreto è combinare al meglio questi cibi all'interno della nostra dieta. Eliana Liotta suggerisce di pensare al pasto come a un piatto suddiviso in 3 parti: metà dedicata a verdura e frutta, un quarto a proteine e il restante a cereali
Per gli spuntini spezzafame non poteva mancare la frutta secca, 30 grammi ogni giorno da alternare con i semi (girasole, zucca, sesamo...), veri integratori naturali con un ottimo contributo proteico.
La Dieta SmartFood - Eliana Liotta - Rizzoli